Categoria: EVIDENZA

giovedì 1 giugno 2017
Agrilizia: agricoltura ed edilizia per una Sardegna sostenibile
themes/araform.it/uploads/mkNews/attachments/159_agrilizia_slide.jpg

L’RTS costituito da Agenzia Formativa ARAFORM, capofila del progetto, Agenzia Formativa Sa BertulaAntiga, ANIER Sardegna - Associazione Nazionale Imprese Edili in Rete e dalla filiera CASA VERDE CO 2.0  comunica che la Regione Sardegna ha approvato il progetto
Agrilizia: agricoltura ed edilizia per una Sardegna sostenibile
CUP E17B16001280009 - CLP 1001031851GR160001 - DCT 2016ARO115

Il progetto Agrilizia intende produrre una forte innovazione nel settore delle costruzioni e degli interventi di ripristino e recupero ambientale, diffondendo a più livelli (dagli stakeholders pubblici e privati ai destinatari diretti del progetto) l'idea di ridurre l'impatto dell'edilizia sull'ambiente, attraverso una progettazione che pensi l'opera come un tutt'uno con esso, sfruttandone al minimo le risorse, inserendosi in esso e nella sua naturale ciclicità rigenerativa. Un'edilizia che utilizza materiali locali di origine naturale (petrol e carbon free), in particolar modo sottoprodotti e scarti di lavorazione dell'agricoltura, e che progetta l'opera adottando soluzioni ad alta efficienza energetica, attraverso un utilizzo sapiente delle soluzioni ICT, come il BIM.

Il progetto, finanziato con i fondi del POR Sardegna FSE 2014-2020, obiettivo specifico 8.5 – Azione 8.5.1., è rivolto agli inattivi, inoccupati, disoccupati, con particolare riferimento ai disoccupati di lunga durata, residenti o domiciliati in Sardegna, di cui almeno il 55% donne.

ATTIVITA’ PREVISTE

Attività di sensibilizzazione e diffusione delle tematiche progettuali tra i principali stakeholders e i possibili destinatari durante tutto l'arco di vita del progetto, attraverso l'organizzazione di seminari informativi e campagne di comunicazione sui principali mass media e social network.

Analisi dei fabbisogni formativi e professionalidel settore della bioedilizia che coinvolgerà, oltre alle aziende del settore, le principali istituzioni scientifiche sarde (Dipartimenti di Ingegneria civile e ambientale Univ. Cagliari e Architettura Alghero), gli Ordini e i Collegi delle principali professioni coinvolte (agronomi, agrotecnici, ingegneri, architetti) e i sindacati in rappresentanza degli interessi dei lavoratori.

Attività formativa e di inserimento professionale, caratterizzata da corsi di breve e media durata che coinvolgeranno circa 120 disoccupati, scelti secondo target diversi ed esperienze, in percorsi che alterneranno attività di aula e di alternanza formazione lavoro.

  • un percorso entry level finalizzato all'acquisizione di competenze nell'ambito delle tecniche costruttive biocompatibili,
  • un percorso intermedio per chi possiede finalizzato all'acquisizione delle competenze utili per la gestione del cantiere biocompatibile
  • un percorso di livello avanzato per ingegneri e architetti, finalizzato all'acquisizione di competenze di progettazione biocompatibile in ambito edile e negli interventi di ripristino e recupero ambientale.